Altre ricette consigliate:




Informativa sulla Privacy

Proprietà ed effetti benefici delle Lenticchie

Le lenticchie, di origini antichissime perché conosciute sin dal 7000 a.C., sono legumi originari dell'Asia sud-occidentale e della Mesopotamia. Essendo una pianta resistente alla siccità, ben si presta alla coltivazione in zone con clima semiarido o temperato.

Le lenticchie hanno una forma a disco, tondeggiante e schiacciata quindi, e il loro colore varia da varietà a varietà: ci sono lenticchie rosse, marroncine, verdi, arancione tenue, o anche più chiare. Un'altra distinzione che potremmo fare è proprio in base alla loro dimensione: esistono infatti lenticchie a seme grande e lenticchie a seme piccolo.

In commercio le possiamo trovare in tre forme:
- secche, in comode confezioni;
- precotte, in scatole o barattoli;
- fresche, ma soltanto nel periodo estivo.

Le lenticchie sono un alimento saporito ma anche benefico e nutriente (336 kcal per 100 gr di prodotto), grazie all'alto contenuto di proteine (22,7 g - 24%), carboidrati (51,1 gr) e sali minerali. Sono ricchi di potassio (980 mg), fosforo (376 mg), magnesio (122 mg), ferro (8,0 g), fibre e vitamine, specialmente quelle del gruppo B (B1 e B2) e vitamina PP.

Per le proteine possedute, le lenticchie possono sostituire la carne e ne rappresentano una valida alternativa [noi di prodottitipicitoscani.it consigliamo sempre e comunque, finché possibile, di variare con l'alimentazione].

Tuttavia non abbiamo finito con le proprietà benefiche, infatti svolgono anche un'azione antiossidante, sono facilmente digeribili e le fibre, di cui sono ricche, aiutano a regolarizzare le funzioni intestinali.

Sono inoltre benefiche per i diabetici in quanto evitano che lo zucchero contenuto nel sangue salga troppo velocemente dopo un pasto, offrendo, quindi, una valida azione benefica nei casi di disturbi dello zucchero ematico.

Sono consigliate nei casi di anemia (da notare, a questo proposito, che le lenticchie "rosse" contengono generalmente una quantità di ferro leggermente superiore alle altre varietà).

Le lenticchie, che contengono pochi grassi e di tipo insaturi, sono adatte alla prevenzione dell'arteriosclerosi, sono indicate nell'abbassamento del colesterolo e non contengono glutine (fonte AIC: Associazione Italiana Celiachia)

Come conservarle le lenticchie

- le lenticchie secche, che siano lenticchie sfuse o acquistate in confezione, temono l'umidità, quindi si raccomanda di tenerle sempre ben chiuse, preferibilmente in un sacchetto di plastica o in un contenitore di vetro tappato, e riposte in un luogo fresco e buio. Correttamente conservate si mantengono anche per 1 anno. Le lenticchie acquistate in confezione vanno consumate preferibilmente entro la data di scadenza riportata sulla confezione.
- le lenticchie precotte vanno conservate in luogo fresco e asciutto e vanno consumate entro la data riportata sulla confezione.

Come consumare le lenticchie?

Non è possibile mangiarle crude in quanto possiedono fattori antidigestivi annullabili solo con il calore; quindi le lenticchie vanno consumate cotte ma non è necessario metterle in ammollo. Segnaliamo anche che durante la cottura le lenticchie assorbono molta acqua.

Si prestano bene nella preparazione di zuppe e minestre, primi piatti, contorni, purè e insalate. Il piatto più conosciuto, comunque, è sicuramente "zampone e lenticchie", tipicamente preparato per Capodanno. Che sia inverno, in una fumante zuppa, o in estate, in un piatto più fresco, le lenticchie sono un alimento molto versatile e per questo non conosce stagioni.

Le lenticchie hanno anche un tempo di cottura breve e per questo ben si prestano alla preparazione di piatti veloci.

Curiosità sulle lenticchie

In Occidente è usanza mangiarle a Capodanno come augurio di fortuna e prosperità, appena dopo il brindisi al nuovo anno. L'origine di questa usanza deriva, quasi sicuramente, dalla forma di alcune varietà di lenticchie, che ricordavano, appunto, le monete. D'abitudine, vengono servite con cotechino o zampone.

Ci sono anche credenze popolari sulle lenticchie mangiate a Capodanno, come quella che le vuole mangiate con le mani, in quanto i soldi vengono presi con le mani, oppure senza olio come condimento, in quanto i soldi "scivolerebbero" via.

Già nelle antiche Grecia e Roma le lenticchie arrivano sulla tavola dei più poveri in sostituzione della carne ma in effetti, anche in epoche più recenti, le lenticchie sono state fonte di sostentamento in tantissimi periodi di povertà e carestie e questo grazie alla loro facile reperibilità.

Le lenticchie sono citate anche nella Bibbia (Giacobbe, infatti, costrinse il fratello Esaù a barattare la primogenitura in cambio di lenticchie).

Lenticchie