X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie.

PTT Ricette sui social:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Proprietà ed effetti benefici delle Melanzane

Le Melanzane (Solanum Melongena) appartengono alla famiglia delle Solanacee, e sono piante erbacee con un'altezza che può variare dai 30 cm ad 1 m, con fiori grandi violacei o bianchi. I loro frutti sono bacche grandi, più o meno allungate o rotonde, di colore violaceo e dalla polpa carnosa e bianco verdastra.

Originarie dell'India e diffuse sin dall'antichità in Cina e in altri paesi dell'Asia centrale, le melanzane furono introdotte in Europa dagli Arabi, che le chiamavano bandigian. In Italia fu aggiunto al nome il prefisso melo, divenendo melo-bandigian, da cui melangian, e infine melanzana. Al nome melanzana è associata anche un'altra interpretazione: mela-insana, dal latino frutto insalubre; la melanzana infatti, contenendo solanina, non è commestibile cruda.

Esistono più varietà di melanzane, differenziate sia per la forma del frutto (allungata, tonda od ovoidale), sia per il colore, che può andare dal viola chiaro, al lilla, al viola scuro, fin quasi al nero. Fra le varietà più comuni troviamo: la violetta lunga palermitana, la melanzana di Murcia, la violetta lunga delle cascine, la violetta nana, la mostruosa o gigante di New York, la Black Beauty, la tonda comune di Firenze.

Le proprietà delle melanzane

Le melanzane sono ipocaloriche (24 calorie per 100 g), ed hanno un basso contenuto di proteine, grassi, e zuccheri. Contengono vitamine del gruppo B, vitamina C, acido folico, potassio (230 mg), fosforo (25 mg), sodio (2 mg) e calcio (9mg).

Hanno proprietà diuretiche, e contengono sostanze che stimolano la produzione della bile, abbassano il colesterolo, svolgono un'azione antibatterica e stimolano la secrezione di ormoni surrenali. Le melanzane hanno effetti benefici sul fegato, pancreas ed intestino, e sono leggermente lassative. Sono ritenute utili anche come blando sedativo, mentre, in cosmesi, la loro polpa viene utilizzata per creme e maschere.

Come conservare le melanzane?

Possono essere conservate in frigorifero, fra i 10 e i 15 gradi, per circa una settimana.

Come consumare le melanzane?

Le melanzane devono essere consumate cotte, in quanto la cottura contribuisce ad eliminare gli effetti della solanina, una sostanza tossica per l'organismo.

Possono essere fritte, grigliate o bollite, messe sott'olio o impiegate nella preparazione di pizze rustiche, sformati e tantissimi altri piatti, come le famose "melanzane a barchetta", cotte al forno, o le melanzane a funghetto, tagliate a dadini. Infine, frequente è anche il loro utilizzo in sughi per condire la pastasciutta.

Melanzane

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.