X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie.

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

Dieta delle piante: la dieta che fa bene alla pelle

In questo articolo parleremo della Dieta delle piante: la dieta che fa bene alla pelle, cos'è e come funziona.

Al ritorno dalle vacanze la pelle può apparire disidrata e secca, a causa dei lunghi bagni di sole e delle passeggiate in riva al mare. Anche chi si è recato in montagna può presentare lo stesso problema, in quanto il sole d'alta quota abbronza moltissimo, ma si accompagna ad un’aria molto intensa. Al ritorno delle vacanze è quindi utile curare con amore e attenzione la pelle, per ritrovare il giusto grado di idratazione e preservare il più a lungo possibile l'abbronzatura. La Dieta delle piante è ciò che fa per noi!

La natura ci viene incontro sotto questo aspetto, in quanto tanti sono i vegetali amici della pelle e della sua salute. Anche gli esperti sono concordi, una buona dieta ricca di frutta e verdura, piatti a base di curry e tante tisane al tè verde e alla vite rossa possono fare miracoli e si presentano come ottimi sostituti degli integratori già confezionati.

Ad una dieta salutare è importante associare dei trattamenti topici naturali, meglio se creati con le proprie mani. Dopo una full immersion di sole, salsedine e venti montani è necessario idratare su due fronti la pelle, per renderla morbida e soffice al tatto.

Riportare la pelle a raggiungere il giusto grado di idratazione scongiura il pericolo dell'invecchiamento precoce.

Curcuma Molti cibi offerti dalla natura sono ricchi di antiossidanti naturali decisamente potenti. Nel particolare la curcuma, spezia orientale dalla mille virtù, contiene curcuminoidi, grandi amici della pelle, mentre la vite rossa e il te verde contengono catechine, sostanze che riparano i tessuti connettivi e che quindi sono importanti nel caso di danni dovuti ad una prolungata esposizione solare.

Bere una tazza di tisana a base di questi ingredienti vegetali non solo aiuta a stabilire un ottimo livello di idratazione, ma gli agenti contenuti operano da riparatori del film cutaneo, ricostruendo la grana in modo assolutamente naturale.

L'autorevole Journal of Nutrition ha da poco pubblicato una ricerca molto interessante, la quale afferma che gli antiossidanti presenti nelle piante sono molto più efficaci se consumati attraverso una dieta vegetale rispetto all'assunzione per via di integratori.

L'aspetto si riconduce ad un'altra interessante ricerca, la quale ha evidenziato che nella creazione di integratori è meglio usare tutta la pianta benefica, evitando di concentrare solamente i principi attivi di interesse. Queste sostanze, se non sono divise dal resto del vegetale agiscono infatti in modo più attivo e benefico nell'organismo. E' indubbio che alcuni vegetali non possono essere consumati con una dieta, per cui in questi casi ci si può rivolgere all'integrazione, a patto che i prodotti siano di altissima qualità e certificati da enti di controllo specifici.

In cosa consiste la dieta delle piante?

La dieta delle piante aiuta quindi a ristabilire la bellezza della pelle, aiutando le screpolature a guarire più in fretta. In cosa consiste? E' innanzitutto importante bere una bella tazza di tè verde al mattino appena sveglie e consumare nell'arco della giornata dei succhi nutrienti. Tra tutti spicca il buon succo di melograno, una miniera di vitamine A, B e C, importantissime per la salute della pelle.

La parola chiave dell'alimentazione delle piante è curcuma: lodata dai nutrizionisti per le sue virtù antisettiche e rigeneranti, questa spezia può essere assunta per un paio di settimane tutti i giorni, a patto che venga sciolta nell'olio di condimento. La sua biodisponibilità è, infatti, molto bassa, per cui non deve essere assunta a secco, ma sciolta durante la preparazione degli alimenti.

Gli integratori vegetali da assumere devono essere scelti tra prodotti che contengono vite rossa e corteccia di pino. Queste piante contengono molti antiossidanti e sono impossibili da consumarsi freschi, per cui possono essere introdotte nell'organismo solamente attraverso gli integratori già preparati.

L'estratto di corteccia di pino funge da collante del collagene e aiuta quindi l'eliminazione delle macchie scure che si formano per difetti di pigmentazione. L'estratto di vite rossa è un potente drenante, per cui aiuta ad eliminare le tossine accumulate e rende la pelle idratata, forte e resistente.

Attenzione alla concentrazione, gli integratori devono contenere almeno il 95% di polifenoli oppure l'80% di pro-antocianitine per essere efficaci. Altre tipologie di integratori non servono a molto, anche se probabilmente possono presentare un costo inferiore nel mercato. Preferire ottimi prodotti nell'integrazione è la regola numero uno per colmare le lacune dell'alimentazione e per rafforzare l'organismo nei suoi punti più deboli.

Aloe vera Ad una corretta alimentazione e ad una buona integrazione possono essere associati dei cosmetici naturali di grande efficacia. Di base, la rigenerazione della pelle può avvenire con l'uso di vegetali che contengono mucillagini, come l'aloe, il fieno greco o l'altea. Il gel dell'aloe può essere ricavato spremendo le foglie ed è sufficiente massaggiarlo con cura nel viso per ottenere un immediato effetto idrante e rigenerante. L'avena, un prodotto facile da reperire e ricco di mucillagini può essere impiegato come maschera nutriente, immergendo i semi in acqua tiepida e spalmando il composto sul viso per qualche minuto. Alla maschera si possono aggiungere ulteriori ingredienti nutrienti, come ad esempio l'olio puro di argan, l'olio di mandorle dolci o un cucchiaino di miele, dall'azione addolcente. Via libera inoltre ad una goccia di olio essenziale, che profuma il composto e rende la maschera più piacevole da 'indossare'.

Chi ha la pelle del corpo secca e spellata può contare sui burri e sugli oli naturali, come il burro di karitè e l'olio di iperico, che attua una forte azione disinfiammante se sono presenti parti scottate o irritate.

Via libera inoltre all'uso della curcuma anche nella cosmesi. Questa spezia viene usata nella tradizione dell'Ayurveda per preparare maschere e creme per il viso e rappresenta il fulcro del rituale di bellezza riservato alle spose prima delle nozze. Come usare questa spezia in modo cosmetico? E' sufficiente diluire un cucchiaino di curcuma in un cucchiaino di olio vegetale come l'olio di argan o di mandorle dolci. E' importante lasciare in posa alcuni minuti, per poi sciacquare con cura con acqua fresca. Attenzione, questo rimedio naturale è dedicato alle pelli abbronzate, in quanto la curcuma aumenta l'abbronzatura ma non deve essere usata se la pelle è candida o troppo sensibile. In fin dei conti si tratta di una spezia molto potente e il suo uso è riservato alle donne con carnagioni intense e una tipologia di pelle piuttosto spessa.

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.