PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Kefir di acqua, informazioni, preparazione

In questa pagina troverete tutte le informazioni per la preparazione in casa del Kefir di acqua fatto con i granuli di Kefir di acqua. Il Kefir di acqua è una bevanda dissetante, leggermente frizzantina e l'aroma può variare se nella fermentazione vengono aggiunti pezzi o succo di frutta. I granuli di Kefir di acqua hanno un aspetto gelatinoso, ma invece al tatto sono consistenti; sono leggermente trasparenti, un po' opachi.

Per ulteriori informazioni sul Kefir, leggi il nostro articolo alla pagina Cos'è il Kefir e leggi anche Kefir di acqua, conservazione dei granuli (clicca per leggere gli articoli).


Per ricevere le nostre ricette ogni giorno, seguici anche su Facebook e Pinterest!

Altre ricette consigliate
Forse potrebbero interessarti anche le seguenti ricette:
Frappé di fragole oppure Tiramisù alle fragole.

Informazioni:

  1. Difficoltà: facile
  2. Altre ricette di PTT Ricette
  3. Tipo di piatto: Dolce (Dessert, Frutta, )
  4. Calorie: 121 Kcal circa a porzione (Info)
  5. Tempo di preparazione:
  6. Tempo totale:
  7. Porzioni: ricetta per circa 1 persone

Ingredienti per preparare il Kefir di acqua:

  1. Granuli di Kefir di acqua: 70 gr
    Acqua: 1 lt
  2. Zucchero (circa 25-30 gr): 3 cucchiai
    Cucchiaio di plastica: 1
  3. Bottiglie di vetro (pulite): 1
    Succo di limone filtrato: 1 cucchiaio scarso
  4. Colino a maglie strette (acciaio inox o plastica): 1
    Barattoli di vetro (puliti): 1
Hai provato o vuoi provare questa ricetta?
Clicca qui per lasciarci un commento

Introduzione:

Iniziamo la preparazione del Kefir di acqua ponendo le basi che dovrete sempre tenere presente (le indicazioni su come prepararlo sono indicate subito dopo questo articolo):

- la preparazione del Kefir di acqua richiede i granuli di Kefir di acqua, dell'acqua e dello zucchero;

- è anche possibile iniziare una coltivazione di grani da acqua usando i grani da latte: in questo caso, sciacquarli con acqua corrente (in questo modo morirà la flora batterica che si nutre di lattosio), ed iniziare la produzione, poco alla volta, del Kefir di acqua. Nel momento in cui si convertono i grani, questi non potranno mai più essere usati per la produzione di latte di Kefir perché la composizione dei granuli è cambiata e la trasformazione non è reversibile. Con il passare del tempo, i granuli sbiadiranno;

- tutti gli utensili devono essere dedicati a questa produzione e devono essere perfettamente puliti; se il barattolo in cui metterete i granuli è stato lavato con acqua calda, lasciarlo raffreddare prima di versare i granuli;

- è preferibile usare sempre acqua di bottiglia e non quella di fontana perché potrebbe risultare molto ricca di cloro, che uccide la flora batterica;

- usare cucchiai e colini di plastica o, al massimo, in acciaio inossidabile (controllate che sia davvero acciaio inossidabile e, in caso di dubbi usare attrezzi di plastica); il colino deve essere a maglie fitte, per non perdere preziosi grani di Kefir; bottiglie e barattoli dovranno essere invece di vetro. Non usare mai alluminio o altri metalli ossidabili o utensili in plastica non adatta al contatto con alimenti, non mettere l'acqua a fermentare in bottiglie di plastica e non lasciare immersi in acqua oggetti di plastica (!);

- i coperchi dei barattoli con i granuli in fermentazione non vanno avvitati completamente; potete lasciare il coperchio poggiato sopra;

- i barattoli di Kefir di acqua in fermentazione vanno posti in ambiente fresco e buio;

- la fermentazione può durare dalle 24 alle 48 ore; il Kefir di acqua fermentato 24-36 ore ha potere lassativo (aiuta quindi a risolvere casi di stipsi) e la bevanda è ancora ricca di glucosio e saccarosio; il Kefir di acqua fermentato 48 ore ha potere astringente (aiuta quindi a risolvere casi di dissenteria) e la bevanda sarà un po' più frizzante ed acida. In ultimo, c'è da sottolineare che la risposta del proprio fisico al kefir è anche soggettiva e che ad ogni modo il kefir ripristina un equilibrio ottimale della flora batterica intestinale;

- il Kefir di acqua (il prodotto finito, già filtrato) va conservato in frigo e consumato abbastanza velocemente, entro un paio di giorni, oppure può essere tenuto a temperatura ambiente e consumato in 1-2 giorni, anche a seconda della temperatura esterna;

- la temperatura influenza la fermentazione, più è bassa, più i tempi di fermentazione si allungano; il barattolo con i granuli non va posto in frigo, se non per rallentare la fermentazione;

- se avete necessità di rallentare la fermentazione per una settimana (magari per un viaggio o per altri impegni), filtrate i grani come fate solitamente, aggiungere nel barattolo l'acqua, lo zucchero, il succo di limone (1/2 cucchiaio per 500 ml circa), i grani di kefir e ponete tutto in frigo per un massimo di 7 giorni. Non aggiungere frutta in questo caso;

- il Kefir di acqua è acido, quindi si difende bene dalle contaminazioni batteriche;

- man mano che si producono i granuli in eccesso, andranno periodicamente rimossi, anche in base alla bevanda che si desidera ottenere. Eliminare i granuli in eccesso vi consentirà nel tempo di ottenere lo stesso sapore della bevanda. I granuli in eccesso possono essere essiccati, surgelati e donati a parenti, amici e conoscenti.

Come preparare il Kefir di acqua: i primi passi

Se volete preparare il Kefir di acqua, allora vi sono stati donati i granuli di Kefir di acqua. Generalmente è di uso comune buttare la prima fermentazione (quella con cui sono arrivati i granuli di Kefir), e iniziare a bere dalla seconda (in pratica quella che avvierete voi). Le operazioni da fare sono le seguenti:

Mettere il colino in un barattolo di vetro o una bottiglia; porre un altro barattolo su una bilancia e azzerare la tara; tenere a portata di mano un cucchiaio di plastica.

Versare il contenuto del barattolo con i grani nel colino, filtrando i grani; versare nel colino abbastanza acqua di bottiglia in modo da coprire abbondantemente i grani (serve per sciacquarli un po') e lasciarla scorrere via (non usare mai acqua calda). Quanti granuli usare? Occorrono 70-100 gr di grani per 1 litro di acqua (o 35-50 gr di granuli per 500 ml di acqua). E' possibile usarne anche usarne di più, a seconda del gusto che si vuole ottenere: più granuli rendono la bibita più frizzante e fermentata. Non riempire i barattoli fino sopra, lasciare almeno 3 dita di spazio.

Una volta filtrati e sciacquati i granuli (ricordo che a questo punti li avete nel colino), versare nel barattolo sciacquato 1 lt di l'acqua, lo zucchero (2 cucchiai per litro, circa 20-25 gr, ma potere anche aumentarlo a piacere), il succo di limone spremuto e filtrato (circa 1 cucchiaio), per rendere l'acqua appena più acida ed amalgamare il tutto con un cucchiaio di plastica.

Infine aggiungere anche i granuli: prelevandoli con un cucchiaio di plastica, metterli nel barattolo sulla bilancia, pesandoli (ricordarsi di azzerare tara prima di aggiungere i granuli).

E' bene comunque ricordare che i granuli possono essere immersi in una soluzione zuccherina diluita dal 2,5% al 10% (per 1 litro di acqua occorrono almeno 25-30 gr di zucchero, ma se ne possono aggiungere anche fino a 100 gr). In sostituzione dello zucchero bianco, poi, si può usare lo zucchero di canna, lo sciroppo d'acero, lo zucchero di cocco o il mascobado. Si può usare il miele nella fermentazione? No. Il miele non è consigliato in quanto svolge un'azione antibatterica ed ucciderebbe gli stessi grani.

Mettere un tovagliolo sul collo del barattolo, poggiarci sopra il coperchio (il barattolo non va chiuso in quanto la bevanda fermenta e deve respirare).

A piacere, si potrà aggiungere nel barattolo anche altra frutta, anche se poi risulterà un po' più difficile ripulirei grani da eventuali semini e residui. Le fettine di ananas e di pesca renderanno il succo molto frizzante. Noi talvolta aggiungiamo anche una fettina di limone biologico e/o di arancia, con tutta la scorza: si otterrà una bevanda gradevole e profumata. Se si usa della frutta, che sia biologica, per non avvelenare con pesticidi i grani. Perché aggiungere frutta? Perché il fruttosio contenuto nella frutta è molto gradito ai granuli. Quando filtrerete l'acqua, eliminare la frutta e sostituirla con altra frutta fresca.

Se non si possiede una bilancia, allora si potrà misurare "ad occhio": mettere, in un litro di acqua, 2 cucchiai di zucchero (normali, non colmissimi), o anche più, a seconda dei gusti, due cucchiai di succo di limone e, dopo aver amalgamato, 5 cucchiai di granuli di Kefir.

Riporre il barattolo in ambiente buio e fresco e lasciare fermentare per 24/36/48 ore; il Kefir di acqua (il prodotto filtrato) va conservato a temperatura ambiente o in frigo e va bevuto entro 1-2 giorni. Noi solitamente lo lasciamo fermentare per 1 giorno e mezzo (quindi per 36 ore) e beviamo l'acqua di kefir fino a quando non sarà disponibile quella nuova (quindi un altro giorno e mezzo).

Trascorso il tempo di fermentazione, ripetere i passaggi.

Se, assaggiando la vostra acqua di kefir, la sentirete dolciastra, durante la successiva preparazione potrete diminuire di un po' la dose di zucchero oppure potrete lasciar fermentare il kefir per 36 ore (se prima lo facevate fermentare per 24 ore, ma aumentare il tempo di fermentazione dipende anche dalle vostre abitudini). Ad ogni modo, ripetiamo che il sapore dell'acqua di kefir deve essere leggermente acidulo, più o meno frizzante (questo dipende dalla preparazione, dalla dose dei granuli usati e dall'uso di frutta), non dolce: se il kefir ha lavorato vene, lo zucchero non si sentirà più nell'acqua. Se l'acqua è particolarmente frizzante, evitare di chiudere ermeticamente le bottiglie o comunque aprirle periodicamente per evitare possa accumularli all'interno troppa pressione. Io ho risolto questo problema togliendo la guarnizione di plastica: in questo modo, pur restando chiuse, le bottiglie "respirano".

Il vostro Kefir di acqua è pronto!

Kefir di acqua 3

Come preparare il Kefir di acqua: il mantenimento

Man mano che lo produrrete, vi renderete conto di quali dosi usare e anche della velocità di crescita dei vostri granuli.

Noi oggi prepariamo l'acqua di kefir con 1 lt di acqua, 100-150 gr di granuli, 20-25 gr di zucchero, un cucchiaio di succo di limone e 1-2 fettine di frutta a piacere. Iniziamo solitamente con 100 gr di grani pesati e continuiamo ad usare gli stessi granuli fino a quando non saranno arrivati a 150 gr circa. A quel punto li filtriamo, separiamo i 50 gr in eccesso e ricominciamo a produrre il kefir con 100 gr di granuli. Usiamo questa tecnica in modo da non dover usare la bilancia tutte le volte, conoscendo il livello di acqua da versare nel barattolo e la dose di zucchero da prendere con il cucchiaio.

Ovviamente se il sapore è troppo forte e si preferisce un'acqua più delicata, potrete tornare tranquillamente alla dose di 70 gr per litro di acqua. Non ci sono restrizioni su queste cose.

Man mano che preparerete il Kefir di acqua, vi renderete conto di qual è il sapore che più vi piace.

Sperimentate, sperimentate, sperimentate. E godetevi la vostra acqua di kefir.

Kefir di acqua
Kefir di acqua 2
Kefir di acqua 1

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questa ricetta.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.

Questa ricetta ha 46 commenti:

  • sonia ha scritto, 14-09-2015 15:59

    Buongiorno a tutti, uso il kefir di acqua da circa un mesetto, faccio circa 1 litro e mezzo di acqua, 3 cucchiai di granuli 2 cucchiai di zucchero integrale di canna e 3 fette di limone. Solitamente lo faccio fermentare 24 ore; il liquido finito e filtrato lo bevo durante il giorno. La mia prima domanda è: per quanto tempo posso assumerlo? 1 mese, 2 mesi, sempre? Essendo una bevanda zuccherata può far male a lungo termine? Se sì, c'è un'alternativa che non fa male? Ogni tanto è necessaria una pausa? Grazie mille, aspetto presto risposte.

    • PTT Ricette ha scritto, 14-09-2015 19:29

      Ciao Sonia, piacere di leggerti. Finché ti va, puoi assumerlo sempre, non ci sono limitazioni e non fa male. Gran parte dello zucchero viene elaborato dai granuli durante la fermentazione, infatti l'acqua è più zuccherata. Se invece fosse dolce, allora aumenta la dose di granuli, mi sembrano pochi. Non sono necessarie pause, eccetto non voglia farle tu. Se hai altre domande, scrivi. Ciao, a presto!

  • chira ha scritto, 23-10-2015 12:32

    Oggi ho bevuto per la prima volta l'acqua di kefir fatta con dei granuli che mi hanno regalato. La prima fermentazione l'ho buttata e ho fatto la seconda solo con acqua e zucchero. 1 litro di acqua, 70 gr di fermenti e 2 cucchiai di zucchero bianco. Hanno fatto qualche bollicina e sono cresciuti di peso di 5 grammi, ma la bevanda non è risultata né frizzante né un po' alcolica, è acqua zuccherata e basta. Cosa mi consigliate, di ridurre la proporzione liquido/kefir? Grazie

    • PTT Ricette ha scritto, 27-10-2015 01:59

      Ciao Chiara, intanto ti consiglierei di aggiungere anche della frutta, se a te non dispiace, nella bibita. Soprattutto ora che ci sono le arance, provale, aiutano il processo e dovresti notare subito una differenza. In alternativa aggiungi un cucchiaio di succo di limone. Lo zucchero deve essere elaborato dai granuli, l'acqua non deve essere dolce quando la bevi, ma frizzante, vuol dire che l'hai filtrata troppo presto. Quindi aggiungi il succo di limone o arancia (se hai delle arance o limoni biologici, potresti anche metterne uno spicchio intero) e, a seconda del risultato, aumenta il tempo di fermentazione o metti meno zucchero. Fammi sapere, ti aspetto.

  • chiara ha scritto, 27-10-2015 15:55

    ri-eccomi! dopo quel kefir che doveva servire per "svegliare i granuli" dopo il riposo del trasporto (alla fine hanno aspettato 4-5 giorni per essere di nuovo in acqua e zucchero nuovi) ne ho fatto uno con una bella fettina di limone e una prugna secca. filtrato dopo 48 ore, era già molto buono, bello frizzantino e con un gusto leggermente dolce.... ma tipo da "birra dolce", assolutamente non zuccheroso. Ora sto per filtrarne un altro, dopo 24 ore, fatto con limone e una mezza pera biologica fresca. E' già bollicosissimo e non più dolce. Per capire cosa gli piace di più e cosa meno, sto tenendo per i primi tempi un diario in cui scrivo peso, tipo e quantità di acqua, granuli e che frutta metto, più eventuali annotazioni. Sicuramente proverò anche ad aromatizzarlo con delle arance. Grazie per il vostro articolo che mi ha sostenuto nei primissimi passi!

    • PTT Ricette ha scritto, 27-10-2015 19:53

      Semplicemente perfetto, direi! :) Fai bene ad annotare il peso, lo facevo anche io all'inizio per capire quanto zucchero usare a seconda del peso (ma anche per regolarmi con le dosi di granuli e acqua). Dopo un po' vedrai che ti sarà tutto chiaro, inizialmente bisogna "conoscerlo", ma più per una questione di nostri gusti. Come frutta io ho usato principalmente mele, arance, pesche e limoni, aggiornami sui tuoi risultati e magari provo anche io (ps: le mele aiutano molto la fermentazione e non rilasciano un retrogusto, a differenza dell'altra frutta). Ciao, a presto :)

  • Jessica ha scritto, 17-06-2016 16:07

    Ciao, io sto cercando di comprarlo ma non lo trovo da nessuna parte :-( !!! L'unico che ho trovato non si riproduce perché è liofilizzato :-( potete aiutarmi??? Grazie Jessica

    • PTT Ricette ha scritto, 22-06-2016 11:09

      Ciao Jessica, il kefir (i granuli) vengono distribuiti da donatrici, che lo consegnano a mano (se sono della tua zona) o lo spediscono gratuitamente, e in questo caso dovresti pagare solo la spedizione, nulla di più. Lo spirito di chi dona i granuli è di farlo, infatti, senza fini di lucro né di commercio. Posso consigliarti un gruppo presente su facebook, si chiama Kefir Italia. Fai qualche ricerca e vedi se ci sono donatori nella tua zona :) A presto!

  • Matteo ha scritto, 15-03-2018 15:09

    A mio parere, meglio non aggiungere miele (antisettico naturale). Buone invece mele e pere fresche, ottimi i fichi secchi Inoltre ho notato che troppo zucchero stressa i grani, donando sentori sgradevoli alla bevanda. Inoltre troppi grani mangiano velocemente: se lo zucchero finisce e voi non siete pronti al travaso s'innesca un processo di fermentazione acetica (anch'esso da sapore sgradevole) Consiglio di usare meno grani, meno zucchero e semmai più frutta (secca, fresca intera, in succhi o in estratti); far fermentare 24/36h, imbottigliare e lasciar frizzantare con tappo per 1/2 giorni, prima di bere. Così faccio io Noterete che con meno zucchero i grani si riprodurrano più lentamente, ma ciò non inficia sul gusto della bevanda

  • Rita ha scritto, 15-10-2019 15:52

    Una mia amica mi ha regalato i granuli di kefir di acqua, sapevo già come gestirli più o meno, con i consigli di quest'amica, ma questo articolo mi ha davvero chiarito tanti dubbi e dato tanti spunti. Ottimo! Dovesse servire vi scriverò certamente! Per ora nell'acqua con i granuli metto del limone e fettine di mele, il kefir è frizzante e gustoso, direi. Molto dissetante anche d'estate. Ho comprato un colino adatto e alcuni barattoli in vetro grandi. Non appena avrò più granuli, li regalerò anche a mia madre e mia sorella, che quando vengono a trovarmi lo apprezzano sempre. Ciao a tutti.

    • PTT Ricette ha scritto, 15-10-2019 17:58

      Ciao Rita, quando avrai tanti granuli di kefir d'acqua potrai anche regalarli a chi dovesse chiederteli o parlarne agli amici. Il kefir d'acqua è ancora poco conosciuto, chi ha i granuli è fortunato e può contribuire a diffonderli. Limone e mele vanno benissimo, potrai usare anche le arance, io lo adoro. Se hai dubbi o nel caso servisse un aiuto, scrivici, ci farà piacere aiutarti, se possibile.

  • Agata ha scritto, 15-10-2019 13:02

    Salve, volevo sapere dove si possono acquistare i granuli trasparenti di kefir di acqua e quanto tempo durano. Per caso sono gli stessi che vendono al supermercato? Grazie della risposta.

    • PTT Ricette ha scritto, 15-10-2019 18:14

      Ciao Agata, benvenuta. Allora, il kefir che trovi al supermercato non penso sia lo stesso kefir di cui parliamo qui, potrebbe trattarsi di acqua fermentata o latte fermentato (non so esattamente di quale prodotto parli). I granuli di kefir di acqua (che non sono quelli di latte, bada) li puoi recuperare da qualcuno che li dona. Generalmente le spese di spedizione sono a carico di chi li riceve, ma potresti anche trovare qualcuno nella tua zona e farteli donare gratuitamente. In un commento prima di questo trovi il link a un gruppo di Facebook in cui, tra l'altro, si donano i granuli. Anche io feci così oramai tanti anni fa, e quella fu anche l'occasione per conoscere un'altra ragazza appassionata di kefir. Bada che i granuli di kefir non vengono venduti, se qualcuno ti chiedesse soldi, cambia assolutamente persona, non sarebbe corretto. Ciao, a presto.

  • Lucia ha scritto, 05-02-2020 23:33

    Salve ho iniziato a preparare il kefir da tre giorni: 1 lt di acqua, tre cucc zucchero, mezzo limone, mezza arancia, un fico secco. Ho la sensazione che non crescono. Erano belli gonfi, ora mi sembrano più piccoli. Grazie per l'attenzione.

    • PTT Ricette ha scritto, 06-02-2020 10:57

      Ciao Lucia, per il kefir d'acqua usa frutta fresca, come arance e mele, senza buccia se sono trattate (il kefir è vivo, quindi è meglio evitare tutto quello che potrebbe "intossicarlo"). La frutta secca come uvetta e fichi, anche se ricca di zuccheri, non l'ho mai usata molto, ho preferito usare più le prugne essiccate, che sono più umide e prive di patine in superficie... Non ho capito se aggiungi 3 cucchiaini di zucchero o 3 cucchiai, ad ogni modo direi di aggiungere circa 25 grammi di zucchero per litro di acqua, più i granuli di kefir. Stai usando l'acqua di bottiglia? A fine fermentazione l'acqua è frizzante e non dolce? Perché è così che deve essere.

  • Ludovica ha scritto, 23-03-2020 21:50

    Una conoscente mi ha regalato questi granuli in un po' di acqua e cercando in rete ho trovato questo vostro articolo. Devo dire che è completo e dettagliato. Sembra facile da gestire. Comunque seguirò tutte le indicazioni e semmai vi chiederò qualche consiglio. Nel frattempo volevo lasciarvi i miei complimenti e ringraziarvi.

    • PTT Ricette ha scritto, 23-03-2020 21:54

      Ciao Ludovica, l'acqua di kefir è gradevole e fa tanto bene, sono felice che ti siano stati donati. E poi, puoi arricchirla con la frutta che più ti piace o di stagione. Dovessero servire consigli sulla gestione dei granuli di kefir o dovessi avere dubbi, scrivici, ci farà piacere aiutarti. Se noti strani cambiamenti, scrivi, così da non farli prima ammalare. A presto e benvenuta tra noi.

  • linda ha scritto, 18-04-2020 18:29

    Sono diabetica, mi hanno regalato i granuli vorrei sapere se lo zucchero è propio necessario.

    • PTT Ricette ha scritto, 19-04-2020 01:54

      Ciao Linda, lo zucchero è fondamentale perché è il nutrimento dei granuli di kefir di acqua. In teoria lo zuchero viene consumato, ma a seconda della preparazione (dose di zucchero usato e numero di ore di fermentazione), potrebbe restare nell'acqua ancora qualcosa, ed è proprio questo il problema, non potendo misurare lo zucchero, che nel kefir è variabile. La cosa migliore da fare è chiedere consiglio e indicazioni al tuo diabetologo. Nel tuo caso forse sarebbero più adatti i kefir di latte, che consumano lo zucchero naturalmente presente del latte e in cui non va aggiunto altro zucchero. Ciao, a presto.

  • Enza ha scritto, 24-04-2020 15:21

    Ciao ho dei grani di kefir di acqua essiccati diversi anni fa, saranno ancora buoni? Dovendo smettere, prima di abbandonare li essiccai come consigliato in questa pagina, seguendo il procedimento passo passo. Ora vorrei riprovare il kefir d'acqua prendendone una parte. Cosa mi consigli di fare? L'aspetto dei granuli sembra uguale a quando li essiccai. Il dubbio è sul tempo trascorso, circa 4 anni. Grazie

    • PTT Ricette ha scritto, 24-04-2020 15:40

      Ciao Enza, con i tuoi kefir d'acqua puoi tranquillamente provare come indicato nell'articolo, anche se sono passati tanti anni. Inizialmente non consumare l'acqua di kefir, fagli fare qualche giro di produzione da scartare, ma trattali con la stessa cura che metteresti se volessi preparare il kefir da bere, cioè con tutta la frutta e il limone e lo zucchero necessari. Vedrai che si attiveranno, se li hai conservati nel modo corretto, cioè chiusi in un barattolino.

      Per iniziare, metti in un barattolo da 250 ml (tipo quelli della marmellata) un cucchiaino di grani di kefir essiccati, aggiungi 200 ml circa di acqua di bottiglia in cui hai precedentemente sciolto un cucchiaino raso di zucchero e cambia l'acqua ogni 12 ore per 2 volte. Dopodiché cambia l'acqua ogni 24 ore per 2 giorni ed aggiungi anche uno spicchio di limone biologico (anche con la buccia, non importa), arancio o mandarino, se l'hai, oppure frutta. Mi raccomando, che sia frutta biologica, oppure togli la buccia. Vedrai che inizieranno la formarsi le bollicine, basta muovere il barattolo per vederle salire in superficie.Trascorsi i 2 giorni, inizia a cambiare l'acqua ogni 48 ore, fallo per 2 volte, quindi, se vedi bollicine, assaggiane mezzo cucchiaino. Se è frizzante, sono stati attivati e sono vivi. Continua la produzione di 200 ml circa di kefir, fallo sempre maturare 48 ore e metti nell'acqua sempre limone (è importante perché evita la formazione di agenti contaminanti) e se li hai, preferisci sempre agrumi. Anche i mandarini cinesi sono perfetti, ma anche questi occorre siano biologici. Con il tempo aumenteranno di numero e volume, tu osservali. Ah, qualche granulo di kefir potrebbe restare di colore aranciato per un po' di tempo, non preoccuparti. In compenso li vedrei crescere. In bocca al lupo per il tuo kefir.

  • Ivana ha scritto, 25-04-2020 15:46

    Bellissimi i kefir in foto, complimenti davvero e grazie per l'articolo, preciso e chiaro. Da oggi ci sono anche io tra voi, spero di non fare errori..

    • PTT Ricette ha scritto, 25-04-2020 15:50

      Ciao Ivana, dovessi avere dubbi sulla gestione dei granuli di kefir oppure sulla produzione dell'acqua di kefir o anche altre domande, scrivici pure, saremo lieti di condividere la nostra esperienza con te. Vedrai che sarà facile capire come gestirli, non c'è nulla di complicato. A presto.

  • Cecilia ha scritto, 13-05-2020 19:55

    Buongiorno, sto bevendo un litro di acqua di kefir al giorno, da un mese, ma ho l'addome gonfio e duro, e non lo digerisco, lo preparo nel seguente modo: un litro d'acqua, tre cucchiai rasi di zucchero, mezzo limone, una prugna o un fico secco. Mi dispiace, conosco i benefici di questa bevanda e non vorrei smetterla. Potete dirmi se commetto errori nella preparazione.... Magari darmi dei consigli? Grazie Cecilia

    • PTT Ricette ha scritto, 13-05-2020 21:53

      Ciao Cecilia, premesso che, al di là di quello che posso dirti io, che non sono un'esperta né un dottore, valuta tu cosa sia meglio per te, soprattutto se vedi che non lo digerisci. L'addome gonfio può anche essere comprensibile, mi sembra di capire che è l'inizio per te (dici un mese), ma sulla difficoltà a digerirlo non saprei cosa dirti. Considera che all'inizio viene solitamente consigliato di non eccedere, proprio perché non si è abituati al kefir d'acqua. Alcune persone iniziano con piccolissime dosi. Potresti semmai ridurre la dose e berne 500 ml al giorno, provare anche a vedere se a stomaco pieno ti da meno problemi. Io ultimamente ne sto preparando 500 ml da filtrare dopo 24 ore e per questi 500 ml aggiungo 9 grammi di zucchero, 2-3 fettine di mela, due fettine di limone, due kumquat tagliati a metà ed un po' di uvetta. Lo zucchero è poco, ma va bene per le 24 ore e la dose di granuli che uso (18 grammi, saranno un cucchiaio e mezzo), e poi c'è l'uvetta. La fermentazione la fai di 24 ore? Se no, prova anche a vedere se con una fermentazione di 24 ore se cambia qualcosa. Insomma, se vuoi continuare, fai dei cambiamenti e magari con il tempo questi fastidi si riducono o scompaiono. Non saprei cos'altro dirti. Fammi sapere come procede. A presto.

  • Livia ha scritto, 13-05-2020 21:17

    Buonasera, complimenti per le informazioni che fornite sui granuli di kefir d'acqua. Volevo ricevere maggiori informazioni sull'uso della frutta secca nell'acqua di kefir. In particolare quale frutta scegliere e se devo prestare attenzione a qualcosa. Sono alle prime armi e non vorrei far morire i granuli ora che mi sono stati donati. Grazie per l'aiuto che vorrete darmi.

    • PTT Ricette ha scritto, 13-05-2020 21:33

      Ciao Livia, la frutta secca va scelta preferibilmente biologica. Io uso generalmente l'uvetta, una sciacquata prima di metterla nel barattolo e via. I prodotti non biologici, oltre eventuali trattamenti effettuati in fase di coltivazione, potrebbero contenere dei conservanti: Anidride solforosa (indicata anche con E220) e Sorbato di potassio (indicato anche con E202), entrambi antibatterici e, quindi, inadatti ai granuli di kefir. Scegli quindi la frutta che ti piace di più, purché non trattata. Trovi tranquillante uvetta e fichi essiccati ad esempio della Noberasco, e della stessa marca ci sono anche le prugne essiccate senza conservanti, anche se non biologiche. Leggi gli ingredienti sulla confezione per capire se ci sono conservanti.

  • Maria ha scritto, 04-06-2020 14:30

    Buon pomeriggio, da alcuni giorni, più o meno una settimana - 10 giorni, il mio kefir d'acqua è diventato più denso, tipo come albume d'uovo. Ho provato di tutto ma non riesco a risolvere, non mi piace molto berlo così e lo butto, non sapendo se è stato contaminato da qualcosa. Ho cambiato tipo di frutta, ho aggiunto meno zucchero, poi più zucchero, ho messo solo frutta secca, ma nulla fa dare, resta gelatinoso. Per caso avete un consiglio anche per me? Grazie

    • PTT Ricette ha scritto, 04-06-2020 14:52

      Ciao Maria, mi è capitato di leggere diverse volte di granuli che producevano un'acqua densa, gelatinosa, alcuni hanno risolto, il più delle volte no perché non ne hanno capito la causa e si sono arresi. Generalmente si tratta di uno scompenso dei lieviti. Per prima cosa vorrei sapere se hai cambiato tipo di acqua. Controlla il calcio contenuto nell'acqua perché se ne è ricca stimola il kefir. Se hai cambiato acqua, dovresti riuscire a risolvere entro pochissimi giorni tornando a quella che usavi prima. A me tempo fa successe usando l'acqua Vitasnella, che infatti ha sì un residuo fisso più alto, ma ha anche tanto calcio. Ora uso la Sant'Anna naturale e non lo ha più fatto. Ritengo che nel mio caso il problema fosse l'acqua e anche io, come te, le avevo provate tutte, dando per scontato che l'acqua fosse buona per il kefir, e invece no. In alternativa puoi usare acqua di rubinetto lasciata decantare 24 ore. Usa frutta secca, preferibilmente senza oli e soprattutto senza anidride solforosa o altri conservanti. Aggiungi una fetta di arancia senza scorza, mentre il limone va aggiunto con la scorza e deve essere biologico. Non eccedere con il limone perché la scorza contiene pectina. Una fettina per 500 ml di acqua basterà. Facci sapere, in bocca al lupo, a presto.

  • Maria ha scritto, 08-06-2020 10:53

    Ciao, rieccomi per aggiornarti. Ho provato come avevi detto e già nel giro di due giorni i grani di kefir d'acqua sembrano tornati come erano prima. Probabilmente allora era proprio l'acqua, strane coincidenze a parte, ma non credo. Comunque per ora va bene, direi che ho risolto. Nel kefir d'acqua non aggiungo più troppo limone, nel senso che sto attenta a non esagerare, uso l'acqua Sant'Anna, zucchero, mela, una fettina di arancia e una di limone e dattero. Ti ringrazio per l'aiuto e per la pronta risposta.

    • PTT Ricette ha scritto, 08-06-2020 12:10

      Mi fa piacere Maria. Nel caso avessi altre domande sui granuli o sull'acqua di kefir, noi siamo qui. Ciao

  • Letizia ha scritto, 08-06-2020 11:01

    Salve, ho letto che per la preparazione del kefir la frutta fresca non è adatta e che occorre usare solo la frutta secca, ma vedo che voi l'utilizzate normalmente. Come vi trovate? No so se usarla oppure no. Grazie

    • PTT Ricette ha scritto, 08-06-2020 11:20

      Ciao Letizia, consigliano di non usarla con i granuli perché potrebbe creare muffe, ma a me non è mai successo. Ovviamente sto sempre attenta quando maneggio la frutta da aggiungere nell'acqua, così come sto attenta quando tocco quella secca. Poi filtro l'acqua regolarmente, senza andare oltre i tempi. Non ho mai avuto problemi, in tanto usano la frutta fresca, soprattutto mele e arance. Fai semplicemente come ti torna meglio e valuta tu stessa i risultati del kefir d'acqua.

  • De Oliveira Eliane ha scritto, 17-06-2020 16:22

    Buonasera, vorrei sapere se può fare il kefir senza limone e frutta secca, perché faccio una prova per vedere se non gonfia la pancia.

    • PTT Ricette ha scritto, 17-06-2020 17:57

      Ciao Eliane, buonasera. Il limone è importante perché, regolando l'acidità, evita il proliferare di muffe o altri patogeni, quindi è proprio necessario aggiungerlo. Inoltre la buccia contiene calcio, anche questo importante per il kefir. La frutta secca puoi invece ometterla, in tanti so che lo fanno. A cosa serve allora? Beh, è importante per loro come lo è per noi, non solo per gli zuccheri aggiuntivi (quindi una dose extra rispetto allo zucchero somministrato), ma la frutta contiene anche diversi minerali, come potassio e magnesio, che altrimenti non verrebbero forniti quotidianamente. Poi gli zuccheri della frutta al kefir piacciono molto e danno anche gusto alla bevanda. Detto ciò, a parte il limone, prova a non aggiungere la frutta, ma, non avendolo mai provato, non so dirti se in questo modo si ridurrà il problema del gonfiore... Il consiglio che posso darti è di berlo di sera, semmai prova e vedi come ti trovi. Bastano due bicchieri per goderne dei benefici. Fammi sapere come procede, ciao.

  • Eliane ha scritto, 17-06-2020 18:21

    Ok grazie mille, adesso cercherò di bere 2 bicchieri a sera. Però bisogna fare sempre 1 litro certo? Dopo quello che avanza butto, è cosi?

    • PTT Ricette ha scritto, 17-06-2020 19:13

      Di nulla. No, non devi farne un litro, ma quello che serve a te. Fai così, prendi un barattolo di vetro da 500 ml e riempilo lasciando 4-5 cm dal bordo. Aggiungi i granuli (almeno 18-20 grammi, la dose che uso io per 500 ml), un cucchiaio e mezzo scarsi di zucchero (magari zucchero di canna integrale, se non metti la frutta, orientativamente lo stesso peso dei granuli), una fettina di limone biologico e lascia fermentare 24 ore. Non allungare il tempo di fermentazione. Giorno dopo giorno regolerai lo zucchero a seconda di com'è la tua bevanda quando l'assaggi: se la senti dolce, allora puoi diminuire lo zucchero, oppure aumenti un poco i granuli. Dopo 24 ore filtri, prepari il nuovo kefir e bevi i due bicchieri di kefir. Controlla di tanto in tanto anche il peso dei granuli, almeno capisci se ne stanno risentendo. Inizia da stasera e vedi domani sera com'è. Ciao :)

  • Eliane ha scritto, 17-06-2020 19:47

    Grazie mille, perché io l'ho fatto sempre fermentare 48 ore. Adesso sono 5 mesi che lo prendo così, però la pancia era sempre gonfia, non sapevo o perché. Adesso ho capito che è un po' troppo la fermentazione per me. Tanti benefici ho avuto fino adesso, solo il fastidio della pancia gonfia.

    • PTT Ricette ha scritto, 17-06-2020 20:16

      Con 24 ore di fermentazione ha un effetto lassativo, verso le 48 ore inizia ad avere effetti astringenti. Non è sbagliato berlo anche di 48 ore, dipende da cosa si preferisce. Io lo bevo di 24 ore, forse è più delicato, ma comunque frizzante e gradevole. Prova e vedi come va dopo qualche giorno. Ovviamente per una fermentazione di 36-48 ore occorre più zucchero, altrimenti finisce quello disponibile e restano senza cibo. Questo lo capirai assaggiandolo. Se vedi che con due bicchieri di sera hai meno problemi, puoi anche provare a reinserire la frutta, che lo rende certamente più aromatizzato e gli fa bene. Oppure puoi aumentare l'acqua, ma metti sempre gli ingredienti in proporzione... Sperimenta. A presto :)

  • Eliane ha scritto, 17-06-2020 21:05

    Grazie per la tua gentilezza.

    • PTT Ricette ha scritto, 18-06-2020 01:15

      Fammi sapere come va e se risolvi, ciao.

  • Dina PILETTI ha scritto, 27-06-2020 17:53

    Ho preparato il kefir, fra 36 ore il primo assaggio

  • Rossi Sabrina ha scritto, 18-08-2020 21:22

    Ciao... sono anche io alle prime armi, vorrei sapere il guscio d'uovo a cosa serve? 🤔 Grazie 😁

    • PTT Ricette ha scritto, 20-08-2020 11:16

      Ciao Sabrina. Talvolta i granuli hanno bisogno di maggiori minerali, ciò potrebbe succedere quando notiamo che crescono molto poco - anche se d'estate un rallentamento è normale - oppure quando notiamo che si stanno sciogliendo, in pratica perdono peso anziché crescere. In questi casi potrebbe essere utile aggiungere minerali extra nell'acqua, anche se, devo dire, non è detto ci siano dei miglioramenti certi. Uno modo per aggiungere minerali è mettere un pezzetto di guscio d'uovo sterilizzato nell'acqua. Il guscio ovviamente deve essere stato precedentemente sterilizzato, ossia bollito per almeno 15 minuti. Ad ogni nuova preparazione dell'acqua, il guscio va rimesso fino a quando non si sarà sciolto. Un altro modo per aggiungere minerali è mettere un granellino o due di sale rosa dell'Himalaya nell'acqua. Il terzo modo consiste nell'aggiungere zucchero mascobado o melassa nell'acqua. Una volta scelto il procedimento che vogliamo provare, si procede con una fermentazione di 48 ore, poi l'acqua va cambiata (senza consumarla) e si ricomincia con fermentazioni di 24 ore, aggiungendo sempre il guscio d'uovo (ti ricordo, fino a quando non si sarà sciolto) oppure un granellino di sale rosa o un poco di zucchero mascobado. L'acqua delle fermentazioni di 24 ore può essere consumata. Ciao, a presto.

  • Sono Rosanna ha scritto, 16-09-2020 20:54

    Ciao a tutti. Si può aggiungere anche l'uva come frutta oppure frutta secca tipo mandorle, noci nocelline o altro? Grazie

    • PTT Ricette ha scritto, 16-09-2020 21:48

      Ciao Rosanna, l'uva secca puoi usarla perché nell'acqua si reidrata, puoi usare anche altra frutta disidratata (mele, prugne, ananas). Tutta questa frutta contiene zuccheri che saranno utili al kefir. Riguardo invece la frutta secca tipo noci, nocciole, mandorle e noccioline, no, non usarle, non vanno assolutamente bene. Ricorda che la frutta secca (disidratata) non deve contenere Anidride solforosa (indicata anche con E220) e Sorbato di potassio (indicato anche con E202), che fanno male ai granuli. Se hai altre domande, chiedi pure. Ciao.

Clicca qui per lasciarci un commento