PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Fungo Shiitake benefici e potere terapeutico

I funghi sono alimenti privi di grassi e poco calorici, ma sono abbastanza nutrienti, proprio perché ricchi di proteine e sali minerali come il fosforo, potassio, ferro, calcio, magnesio, vitamina C e vitamina B, molto importante per lo sviluppo armonico di ogni struttura dell'organismo umano e per lo sviluppo del tessuto nervoso.

I funghi, oltre ad essere considerati degli ottimi alleati per la forma fisica, dato che sono poco calorici, presentano anche numerosi benefici e contengono delle sostanze che sono in grado di stimolare il sistema immunitario: tra le diverse specie di funghi esistenti, quello più studiato e più diffuso, proprio per i suoi numerosi benefici, è il Fungo Shiitake, commestibile, ed è considerato elisir di lunga vita, proprio per le sue varie proprietà benefiche.

Fungo Shiitake Diversi studi scientifici hanno confermato il ruolo ausiliario e preventivo del fungo Shiitake nei riguardi di diverse malattie e disturbi, a volte anche molto importanti, come il cancro o il tumore del sangue. Alcune ricerche, effettuate da importanti Università Mondiali, hanno affermato che i funghi Shiitake presentano tutti gli amminoacidi di cui l'organismo umano necessita ed alcuni sono allo stato libero, mentre gli altri amminoacidi sono riconosciuti sotto forma di proteine.

Il fungo Shiitake è originario dell'Asia Orientale, tuttavia, nonostante sia un fungo cinese e giapponese, la sua coltivazione si sta diffondendo anche in Europa, anche se è più semplice trovarlo nei negozi specifici di prodotti biologici.

Il suo nome deriva dall'unione di due parole appartenenti alla lingua giapponese, ovvero Shii, che indica la quercia, e Take che significa fungo, ovvero che cresce spontaneamente sui tronchi determinati alberi.

Questo tipo di fungo da diversi secoli è conosciuto anche come fungo medicinale, data la presenza della eritadenina, che permette di abbassare notevolmente il livello del colesterolo cattivo presente nel sangue, ed è ricco di altri numerosi antiossidanti dotati di proprietà immunostimolanti in grado di riequilibrare e rafforzare l'attività del sistema immunitario.

Inoltre, il micelio dei funghi Shiitake, contiene principalmente 30 enzimi concentrati maggiormente nel cappello stesso del fungo. Lo Shiitake è considerato un fungo molto importante in grado di agire positivamente su reni e fegato, ha la capacità di curare le patologie da raffreddamento e di eliminare vermi presenti nell'intestino, migliorando l'energia dell'organismo umano.

I principali benefici terapeutici, riguardanti lo Shiitake, riguardano l'ambito immunitario. Infatti lo Shiitake va ad agire sulle difese immunitarie, stimolando le cellule addette a fornire l'informazione immunitaria alle strutture linfatiche. Oltre ciò, in medicina, il fungo Shiitake è utilizzato come trattamento per patologie virali, come per esempio il morbillo, herpes, bronchite e così via.

Per di più, questo fungo giapponese è molto importante per i ristagni provocati da un'eccessiva quantità di sale. Di fatti, se un soggetto nella propria dieta alimentare ha consumato un'elevata quantità di sale, potrebbe curare questi ristagni grazie alle proprietà benefiche degli Shiitake. Tale fungo è un ottimo aiuto per ridurre il colesterolo e ristabilire la circolazione sanguigna. Il fungo Shiitake è un valido aiuto per la riduzione dei liquidi in eccesso nell'organismo. Inoltre, secondo quanto appreso da diversi studi, è stato affermato che lo Shiitake presenta un ruolo fondamentale nella prevenzione di diverse malattie, anche più gravi, come le malattie cardiovascolari ed il cancro.

Nel 1960 il noto Dottor Kenneth Cochran, dell'Università del Michigan, per primo ha studiato i funghi Shiitake. Durante le sue ricerche ha scoperto che tale fungo contiene una vasta gamma di agenti stimolanti, ma rimase colpito da una nota sostanza antivirale che ha la capacità di stimolare le funzioni del sistema immunitario, tale sostanza è denominata Lenitano, ovvero ci riferiamo ad un polisaccaride, betaglucano antitumorale che ha la capacità di sollecitare i macrofagi, le cellule natural killer ed i linfociti T, stiamo parlando di determinati globuli bianchi destinati a riconoscere ed ad eliminare tutti gli elementi nocivi per l'organismo umano. Il lentinano è utilizzato specialmente per il trattamento di tumori allo stomaco, cancro al seno, leucemie, ma è riconosciuto anche per la sua forte protezione del fegato.

Secondo uno studio effettuato nel 2002, è stato dimostrato che il lentinano ha la capacità di agevolare la regressione del cancro del colon. Invece, secondo un recente studio effettuato nel 2009, è scaturito che il lentinano è in grado di aumentare la sopravvivenza di soggetti affetti da tumori gastrici e neoplasie del pancreas in stadio avanzato. Inoltre, durante alcuni esperimenti scientifici effettuati su pazienti affetti da cancro al seno o da leucemie, il fungo Shiitake ha reagito positivamente.

Fungo Shiitake


Effettivamente, secondo uno studio scientifico giapponese eseguito sugli animali, è stato confermato che lo Shiitake presenta un'ottima proprietà antitumorale. Nello studio effettuato è stato somministrato un estratto di Shiitake su alcuni topi malati di sarcoma. Il risultato è stato nettamente positivo, infatti sei topi su dieci hanno mostrato una notevole guarigione del tumore. Questo processo, abbinato ad una netta produzione di anticorpi, ha la capacità di agire come barriera contro le varie infezioni sia virali che batteriche.

Questo fungo va ad agire su diversi virus come l'epatite, l'HIV ed il normale raffreddore, presenta anche proprietà antibatteriche, antimicrobiche, riduzione dell'aggregazione piastrinica e proprietà riguardanti l'arteriosclerosi. Ma le qualità di questo specialissimo fungo non si fermano qui, perché il re dei funghi, ovvero lo Shiitake, presenta molte altre proprietà benefiche, come l'effetto probiotico della flora batterica nell'intestino, si utilizza anche nelle situazioni di affaticamento fisico e psichico, e contrasta la carie dentale.

Oltre ciò, il fungo Shiitake è utilizzato per curare specifiche infezioni fungine, che spesso sono provocate da candida albicans, le allergie, l'ipertensione, l'iperglicemia, i dolori diffusi, gli eczemi della pelle ed è un ottimo tonico per i reni, per quest'ultimi sono molto efficaci per scaricare le proteine animali, alleviandone il lavoro. Ma non è finita qui, infatti secondo quanto appreso sul web, possiamo affermare che, 90 grammi di funghi Shiitake mangiati tutti i giorni, per una settimana, ridurrebbero il livello del colesterolo presente nel sangue del ben 12% in persone non affette da gravi malattie. Di fatti da una ricerca scientifica condotta dal noto Joachim Eder dell'Università di Weihenstephan, è stato provato che il fungo Shiitake ha notevoli effetti anticolesterolo, antitumorale ed antivirale. Lo Shiitake abbassa quidni il colesterolo, aumentando nel fegato il processo di emissione del colesterolo cattivo, conosciuto come LDL presente nel sangue.

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.