X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie. Puoi anche consultare la nostra Informativa sulla privacy

PTT Ricette sui social:

Altre ricette consigliate:

logo

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Proprietà ed effetti benefici del Riso

Riso min Il Riso, originario delle regioni asiatiche orientali, è ottenuto da due famiglie di piante erbacee: l'Oryza sativa, di origini asiatiche, che è anche nettamente la specie più coltivata al mondo, e l'Oryza glaberrima, di origini africane, ed esistono oltre 100.000 varietà di riso.

Il riso oggi viene coltivato in circa 113 paesi nel mondo ed è il cereale più consumato, più del mais o delle patate (si pensi che in oriente il riso è anche l'alimento base nell'alimentazione).

In Europa viene coltivato particolarmente in Italia, in Francia, in Portogallo e in Spagna; in Italia le zone di maggior coltivazione sono Milano, Vercelli, Novara e Pavia.

Dalle origini non del tutto chiare, il riso in Italia possiamo trovarlo intorno al '400, in Toscana, in coltivazioni lungo l'Appennino, diffondendosi successivamente al nord.

Seminato da marzo a maggio, la raccolta avviene verso la fine di ottobre: a questo punto il riso è ancora grezzo e dovrà subire ancora alcune lavorazioni prima che sia commestibile e che il riso diventi brillante: tra i vari step ricordiamo la pulitura (vengono eliminate le impurità ambientali dal risone), la pilatura e la sbramatura (in cui il riso viene sgusciato), la sbiancatura (in cui il riso viene ulteriormente raffinato eliminando un altro strato), la lucidatura (fase in cui il riso viene appunto lucidato, al fine di ottenere un chicco brillante). Purtroppo con il processo di sbiancatura si perdono quasi la metà dei costituenti nutritivi.

Ci sono tre tipi di riso: riso integrale (con la sua colorazione scura) e il riso bianco (con la sua colorazione bianco brillante); esiste poi un tipo di riso che non scuoce, ossia che mantiene le proprie caratteristiche gastronomiche anche dopo diverse ore dalla cottura: è il riso parboiled. Il riso parboiled (da partially boiled, cioè parzialmente bollito) è il riso che ha già ottenuto un trattamento di cottura ed è quello che ha i valori nutrizionali maggiori. Questo riso ha una cottura rapida e, una volta cotto, mantiene quindi una maggior tenuta. Il riso integrale, invece, è certamente il miglior riso dal punto di vista nutrizionale.

Le proprietà del riso

Il riso è composto per il 75% da amido ed è povero di lipidi e proteine; è un alimento di gran valore nutrizionale ed energetico e contiene mediamente 350 calorie ogni 100 gr.

E' consigliabile consumare riso almeno tre volte la settimana ed è utile in caso di problemi all'apparato digerente.

Tra le altre proprietà, il riso è un alimento rinfrescante e disintossicante; il riso bianco ha un effetto leggermente astringente, quello integrale invece è più ricco di fibre e favorisce il transito intestinale. Il riso integrale, inoltre, aumenta il senso di sazietà ed è indicato per questo anche nelle diete in cui di desidera perdere peso.

Essendo povero di glutine, il riso può essere consumato anche da chi è intollerante al glutine (celiachia). E' inoltre indicato in caso di problemi al sistema nervoso, al sistema circolatorio e a quello linfatico.

Il riso è un alimento facilmente digeribile e per questo è indicato in tutti quei casi in cui non si desidera affaticare lo stomaco o per chi soffre di sonnolenza dopo i pasti.

Come conservare il riso?

Il riso va conservato in luogo fresco, areato e asciutto, ben chiuso nella sua confezione e lontano dall'umidità. Il riso va consumato entro la data di scadenza indicata sulla confezione. Una volta aperta la confezione, il riso può essere conservato anche qualche settimana.

Come consumare il riso?

Il riso si trova in commercio in chicchi, sotto forma di farina, riso soffiato e in fiocchi.

I chicchi di riso possono essere bolliti o cotti al vapore, possono essere impiegati nella preparazione di risotti, timballi, minestre, arancini, insalate fredde, ma anche in budini, torte e dessert.

La farina, parimenti alle altre farine di cereali, può essere impiegata nella preparazione di dolci.

Il riso soffiato può essere impiegato anche nella realizzazione di dolci.

I fiocchi possono essere gustati in minestre e nel latte a colazione.

Riso
Riso 2

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.