PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Proprietà ed effetti benefici delle Castagne

Le Castagne, che appartengono alla categoria della frutta farinosa, non sono propriamente un frutto, in quanto i frutti del castagno sono i ricci. Presentano una forma particolare, essendo tonde su un lato e piatte dall'altro; la polpa, color crema, è ricoperta da una pellicola marrone scuro-bruno ed è racchiusa in un guscio spesso e semimorbido color marrone scuro, esternamente lucido.

Le castagne, che tanto ci piaccio e gustiamo come caldarroste, magari accompagnate da un buon bicchiere di vino rosso, in cui possono anche essere bagnate, sono i semi del castagno, semi ricchi di carboidrati e sali minerali come il potassio, il calcio, il ferro, il sodio, il magnesio, il fosforo e il cloro, ma anche di fibre, proteine e vitamine C, PP oltre che le vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6).

Le castagne fresche, a differenza dell'altra frutta, posseggono meno acqua (circa il 40-50%) ed è per questo che risultano anche più caloriche: considerando 100 gr di prodotto, le castagne posseggono circa 140 kcal se sono fresche e circa 120 se sono lessate; mentre le caldarroste 190 kcal e, con quelle secche, si arriva circa a 290 kcal.

Pianta originaria dell'Europa Meridionale, in Italia li troviamo maggiormente in Toscana, Campania, Lazio, Piemonte e Sicilia. Come abbiamo già detto nella pagina dedicata alle Castagne toscane, esse sono state importantissime per le generazioni passate in quanto hanno rappresentato un'importante fonte di sostentamento essendo ricche di carboidrati complessi (amido) così come i cereali; infatti, considerando le loro proprietà le castagne vengono più paragonate al pane, alla pasta e ai cereali (leggi anche le altre informazioni sulla Farina di Castagne).

Nella coltivazione non richiedono fitofarmaci, quindi possono essere considerate appartenenti all'Agricoltura biologica.

Frutti tipicamente invernali, le castagne le troviamo in natura verso ottobre/novembre, mesi in cui vengono raccolte e viene prodotta la farina di castagne, con cui può essere preparata la pasta fatta in casa (vedi le Tagliatelle di Farina di castagne) oppure tanti tipi di dolci (vedi i Dolci con Farina di castagne) e tante altre prelibatezze.

La naturale dolcezza delle castagne cotte deriva proprio dalla cottura, che trasforma parte dell'amido in zuccheri semplici, ma ciò le rende anche più caloriche in quanto la cottura comporta perdita di acqua (caldarroste).

Tra gli svantaggi, ricordiamo che le castagne favoriscono il gonfiore addominale e, per la loro stessa dolcezza, sono sconsigliate ai diabetici, mentre sono utilissime a chi pratica sport o è soggetto a stress fisico o psicologico. Le fibre possedute facilitano il transito intestinale, svolgendo un effetto benefico anche nei casi di disturbi gastrointestinali. Riequilibriano la flora batterica intestinale e svolgono un efficace aiuto nella riduzione del colesterolo.

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.