PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Orzo con patate e curcuma (cottura per assorbimento)

La ricetta di oggi è un primo piatto a base di orzo, ed è l'Orzo con patate e curcuma, cotto con il metodo della cottura per assorbimento. Questo tipo di cottura prevede un impegno minimo ai fornelli, infatti, fatta una prima parte della cottura con fiamma, per il restante periodo di tempo necessario alla cottura, la fiamma resterà spenta e l'orzo si cuocerà assorbendo l'acqua o il brodo che abbiamo versato nella pentola. Se l'acqua (o il brodo) è stata dosata in modo giusto, otterrete un primo piatto più asciutto, mentre, se ne avete aggiunta in eccesso, otterrete dell'orzo con un po' più di brodo.

Perché utilizzare la cottura per assorbimento per cuocere i cereali? In questo tipi di cottura, al contrario della classica cottura, tutti i nutrienti persi dagli ingredienti in fase di cottura e disciolti nell'acqua non verranno persi, come avviene con i cereali scolati dell'acqua.


Per ricevere le nostre ricette ogni giorno, seguici anche su Instagram, Facebook e Pinterest!

Altre ricette consigliate
Forse potrebbero interessarti anche le seguenti ricette:
Caserecce cremose agli asparagi oppure Fettuccine con polpo e carciofi.

Informazioni:

  1. Difficoltà: facile
  2. Altre ricette di PTT Ricette
  3. Tipo di piatto: Primo (Vegetariano, Vegano)
  4. Calorie: 386 Kcal circa a porzione (Info)
  5. Tempo di preparazione:
  6. Tempo di cottura:
  7. Tempo totale:
  8. Porzioni: ricetta per circa 2 persone

Ingredienti per preparare l'Orzo con patate e curcuma (cottura per assorbimento):

  1. Orzo perlato (non precotto): 140 gr
    Brodo vegetale preparato con un dado oppure fatto in casa: 600 gr
  2. Patate sbucciate: 320 gr
    Sale: q.b.
  3. Pepe: un poco
    Prezzemolo: 1 rametto
  4. Noce moscata: un poco
Hai provato o vuoi provare questa ricetta?
Clicca qui per lasciarci un commento

Procedimento:

Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 5
Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 4

Iniziamo la preparazione dell'Orzo con patate e curcuma preparando il brodo che servirà per la cottura dell'orzo e delle patate. Potete usare un dado vegetale oppure potete usare del brodo pronto, ma potreste anche farlo in casa.

Una volta preparato il brodo, lavate le patate, eliminate la buccia con un coltello o un pelapatate e tagliatele a cubetti.

Mettete le patate nel brodo, aggiungete l'orzo sciacquato e sgocciolato, la curcuma, un poco di noce moscata, un paio di foglie di prezzemolo tritato. Aggiustate di sale se necessario. Se vi piace l'aglio, potete usarne un pizzico, sia in polvere che granulare.

Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 1

Fate cuocere Orzo con patate e curcuma senza coperchio fino a quando non bollirà, a quel punto coprite con coperchio, abbassate la fiamma e fatelo cuocere ancora 15 minuti.

Trascorsi i 15 minuti, senza mescolare e senza togliere il coperchio, spegnete il fuoco e lasciate riposare l'orzo per 35-40 minuti. Durante questo periodo si completerà la cottura sia dell'orzo che delle patate, anche senza fiamma.

Nota: l'orzo perlato che ho usato io cuoce in 40 minuti, e sono i minuti che ho fatto fare a fuoco spento. Nel caso il vostro orzo perlato dovesse richiedere 5-10 minuti in meno, tenetene conto e controllate la cottura un po' prima.

Durante questo tempo tutta l'acqua verrà assorbita e trascorsi i 35-40 minuti potrete impiattare l'Orzo con patate e curcuma e servirlo.

Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 2

L'Orzo con patate e curcuma è pronto e può essere servito.

Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento
Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 6
Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 7
Orzo con patate e curcuma - cottura per assorbimento 3

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questa ricetta.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.