X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie. Puoi anche consultare la nostra Informativa sulla privacy

PTT Ricette sui social:

Altre ricette consigliate:

logo

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Coloranti alimentari

Ciambelle colorate I coloranti sono quegli additivi alimentari classificati come E1nn (dove le due cifre nn a seguire indicano il tipo di colorante in sé; quindi tutti i coloranti alimentari inizieranno con E1). Nell'elenco degli additivi alimentari, i coloranti vanno da E100 a E199. La funzione dei coloranti è dare un determinato colore all'alimento o per esaltarlo, ad esempio allo scopo di dare ad esso le stesse caratteristiche cromatiche dei prodotti freschi. Sono molto usati anche nella preparazione di bibite, caramelle, dolci, gelatine, liquori e tanto altro ancora.

A seconda della loro origine, i coloranti possono essere sintetici e naturali.

I coloranti naturali normalmente vengono estratti dalle foglie dei vegetali o dalla polpa e dalla buccia della frutta, oppure dai vegetali, ma possono anche essere di origine animale (cocciniglia o carminio). Da notare anche che i coloranti naturali possono anche essere stati prodotti per via chimica, riproducendo la struttura del composto già esistente: queste sostanze sono generalmente ritenute innocue proprio perché il corpo umano è già abituato allo loro assunzione naturalmente. Anche se i coloranti naturali sono privi di tossicità, vengono poco usati nelle industrie, sia per il costo alto, sia perché sono meno stabili nel tempo alla luce e al calore, inoltre il potere colorante è più basso.

I coloranti sintetici, invece, hanno il vantaggio di essere più stabili, hanno un maggiore potere colorante, ma si sono rivelati non innocui, come vedremo anche in seguito, e la loro dose assimilabile in un giorno è stata fissata provvisoriamente in attesa di altri test tossicologici; i coloranti sintetici, inoltre, possono essere aggiunti solo agli ingredienti indicati dalla legge. I maggiori imputati, comunque, sono i coloranti azoici, caratterizzati da un gruppo cromoforo azo.

Suddivisione del gruppo: all'interno dei coloranti, che, ricordiamo, appartengono alla fascia principale che va da E100 a E199, i coloranti vengono poi suddivisi in sottocategorie a seconda delle fasce di colori.
- da E100 a E109 = colore giallo
- da E110 a E119 = colore arancione
- da E120 a E129 = colore rosso
- da E130 a E139 = colore blu e violetto
- da E140 a E149 = colore verde
- da E150 a E159 = da colore marrone a nero
- da E160 a E199 = altri colori
- da E170 a E181 = coloranti di origine minerale usati per colorazione esterna

Come abbiamo detto, i coloranti possono provocare disturbi per la salute, ad esempio molto nocivo per i bambini è la "Cocciniglia E120" che si ricava dall'essiccazione di un tipo d'insetto (la cocciniglia, appunto, un insetto fitofago parassita delle piante e di color rosso). Dalla cocciniglia si ricavano il rosso carminio e il rosso vermiglio, utilizzati fin dall'antichità per tingere stoffe e altri manufatti, successivamente utilizzati anche nell'industria alimentare. Dato l'alto costo di produzione, ultimamente il colorante cocciniglia viene sostituito con un colorante sintetico.

Gelati Un altro colorante sconsigliato è la tartrazina (giallo tartrazina E102), ovvero un sale che presenta zolfo e si distingue per la sua forma, in cristalli di colore giallo. Questo colorante si trova in vari alimenti, quali: dolci, budini, gelatine, minestre confezionate, conserve, bevande, sciroppo e alcuni tipi di gelato. Tale additivo è causa di molte allergie e intolleranze: può provocare effetti collaterali come asma, rinite, orticaria, iperattività, insonnia, emicrania, prurito, macchie rosse sulla pelle, edemi e disturbi visivi come la visione di macchie. Altamente sconsigliato ai soggetti asmatici. Questo colorante è permesso in Italia, nel Regno Unito, negli USA e in Canada; è vietato in Norvegia e in Austria. Come vedremo a breve, i prodotti che contengono il colorante giallo tartrazina devono riportare sull'etichetta la dicitura: "può influire negativamente sull'attività e l'attenzione dei bambini".

Coloranti consentiti (potenzialmente non tossici)

E100 -- Curcumina, Curcuma (naturale)
E101 -- Riboflavina o Lattoflavina (Vitamina B2) - Riboflavina-5'-fosfato (naturale)
E140 -- Clorofille e clorofilline (naturale)
E141 -- Complessi rameici - Complessi delle clorofille e delle clorofilline con rame (naturale)
E150 -- Caramello (naturale)
E150a -- Caramello semplice, colorante bruno (naturale)
E160 -- Carotenoidi (naturale)
E160a - Caroteni - Caroteni misti - Beta-carotene
E160b - Annatto, Bissina, Norbissina
E160c - Estratto di paprica, Capsantina, Capsorubina
E160d - Licopina
E160e - beta-apo-8'-carotenale
E160f - Estere etilico dell'acido - Beta-apo-8'-carotenico
E161 -- Xantofille (naturale)
E161a - Flavoxantina
E161b - Luteina
E161c - Criptoxantina
E161d - Rubixantina
E161e - Violoxantina
E161f - Rodoxantina
E161g - Cantaxantina
E162 -- Rosso di barbabietola, betanina (naturale)
E163 -- Antociani - Estratti dai prodotti ortofrutticoli con procedimenti fisici (naturale)
E163a - Pelargonidina
E163b - Cianidina
E163c - Peonidina
E163d - Delfinidina
E163e - Petunidina
E163f - Malvidina
E170 -- Carbonato di calcio (minerale)
E171 -- Biossido di titanio (minerale)
E172 -- Ossidi e idrossidi di ferro (minerale)
E173 -- Alluminio, usato in confetteria (minerale)
E174 -- Argento, usato in confetteria (minerale)
E175 -- Oro (minerale)

Coloranti consentiti, ma con limitazioni e controindicazioni

Uno studio inglese nel 2007 ha sostenuto l'esistenza di un nesso tra alcuni coloranti e l'iperattività dei bambini. In conseguenza di ciò, per questi coloranti il Parlamento Europeo ha stabilito che dal 20 luglio 2010 gli alimenti che li contengono dovranno recare, accanto alla denominazione (E), anche la scritta: "può influire negativamente sull'attività e l'attenzione dei bambini". Ecco l'elenco:

E102 - Tartrazina (sintetico)
E104 - Giallo di chinolina (sintetico)
E110 - Giallo tramonto - Giallo arancio (sintetico)
E122 - Azorubina o Carmoisina (sintetico)
E124 - Ponceau 4R, Rosso cocciniglia (naturale)
E129 - Rosso allura AC (sintetico)

Altri coloranti consentiti, ma con limitazioni e controindicazioni

E120 - Cocciniglia, Acido carminico, vari tipi di Carminio (naturale). Questo colorante è sconsigliato ai bambini e può aggravare asma ed allergie. Viene aggiunto a prodotti farmaceutici, pastiglie e sciroppi, caramelle e salumi stagionati.

E123 - Amaranto, colorante rosso (sintetico). Questo colorante può essere contenuto nel caviale (per la colorazione) e il suo uso è limitato in quanto esiste la possibilità che possa essere mutageno e cancerogeno. È stato proibito in alcuni Paesi. Può causare iperattività, asma, insonnia, orticaria ed eruzioni curanee.

E127 - Eritrosina - colorante rosso (sintetico). E' il colorante sintetico rosso del catrame di carbon fossile, contenente iodio. Questo colorante può comportare allergie e disturbi alla tiroide (ipertiroidismo), inoltre si sospetta essere responsabile di alcuni disturbi e malattie, come sensibilizzazione alla luce, orticaria e insonnia. Può accumularsi nel corpo umano. In alcuni stati è già stato vietato (USA, ad esempio) perché studi hanno dimostrato che negli animali favorisce il tumore alla tiroide quando viene somministrato ad alte dosi. Nei paesi dove è permesso, viene aggiunto a biscotti, caramelle, frutta sciroppata, ghiaccioli, gelati e canditi.

E131 - Blu patentato V - blu patent (sintetico). Questo colorante può causare allergie, prurito, sensibilità della pelle, nausea, problemi respiratori, ipotensione, tremore. Esiste la possibilità che possa essere cancerogeno. E' vietato in Australia.

E132 - Indigotina, Carminio di Indaco (sintetico). Questo colorante può causare vomito, reazioni cutanee, ipertensione, problemi respiratori e nausea. Risulta essere leggermente tossico. Sconsigliato ai bambini. Viene aggiunto in ghiaccioli, gelati, frutta candita, biscotti e dolci.

E133 - Blu brillante FCF (sintetico). Questo colorante può essere contenuto in gelati, piselli in scatola, prodotti caseari, dolci e bibite (può esser combinato con la tartrazina E102 per ottenere varie tonalità di verde). E' sconsigliato ai bambini ed è tossico. Può causare iperattività, insonnia, orticaria e nausea. Esiste la possibilità che possa accumularsi a livello renale e a livello dei vasi linfatici. Un tempo era vietato, ora non più ed è stato ammesso come additivo colorante.

E142 - Verde acido brillante (sintetico). Questo colorante potrebbe essere leggermente tossico, mentre si pensa possa essere cancerogeno ad alti dosi. Viene aggiunto nelle caramelle, nelle bibite, nei dolci, nella frutta candita, negli sciroppi, nei liquori. Potrebbe causare iperattività, asma, insonnia e reazioni cutanee.

E150b - Caramello solfito-caustico. Questo colorante può essere prodotto con l'uso di organismi geneticamente modificati. Viene aggiunto a cereali per la prima colazione e dolci. Tossico.

E150c - Caramello ammoniacale, colorante bruno. Questo colorante può essere prodotto con l'uso di organismi geneticamente modificati. Viene aggiunto in alcune salse per barbecue. Tossico.

E150d - Caramello solfito-ammoniacale, colorante bruno. Questo colorante può essere prodotto con l'uso di organismi geneticamente modificati ed è il caramello più utilizzato dall'industria alimentare. Viene aggiunto in molte bibite, ad esempio nella pepsi e nella coca-cola. Tossico.

E151 - Nero brillante BN, Nero PN (sintetico). Questo colorante potrebbe causare cisti intestinali, reazioni allergiche ed intolleranze alimentari. Nell'intestino origina composti nocivi. E' sconsigliato ai bambini. Viene aggiunto in decorazioni alimentari, nelle bibite, nei dessert, nella marmellata, nelle caramelle, nei gelati, nella mostarda e nel surimi. In alcuni paesi è vietato (USA, Canada, Finlandia, Giappone e Norvegia). Tossico.

E153 - Carbone vegetale - carbone medicinale (naturale). Questo colorante potrebbe essere coinvolto nell'insorgenza del cancro. E' vietato in USA.

E154 - Bruno FK o marrone Kippler (sintetico). Esiste la possibilità che possa essere mutageno, cancerogeno e che possa accumularsi a livello renale e a livello linfatico. Può causare iperattività (anche nei bambini), asma, riniti, orticaria e insonnia. Questo colorante può essere contenuto in alcuni prodotti ittici. È stato proibito in alcuni Paesi Extracomunitari.

E155 - Bruno HT o Marrone Cioccolato. (sintetico). Questo colorante può essere contenuto in prodotti da forno e di pasticceria. Esiste la possibilità che possa essere cancerogeno e che possa accumularsi a livello renale e livello linfatico. Può causare iperattività (anche nei bambini), asma, riniti, orticaria e insonnia. E' sconsigliato ai bambini.

E180 -- Litolrubina BK - pigmento rosso (sintetico). Questo colorante potrebbe causare asma, reazioni cutanee ed insonnia. Esiste la possibilità che possa essere cancerogeno. Viene solitamente usato nei rivestimenti cerosi dei formaggi.

Coloranti vietati in Europa

Alcuni coloranti sono per legge assolutamente vietati in Europa e sono:
E103 - Crisoina resorcinolo
E105 - Giallo rapido AB
E106 - Riboflavina-5-fosfato
E107 - Giallo 2G
E111 - Arancio GGN
E121 - Orceina, oricello
E125 - Scarlatto GN Rosso
E126 - Ponceau 6R Rosso
E128 - Rosso 2G
E130 - Blu indantrene
E152 - Black 7984 Nero
E181 - Acido tannico
E197 - Oro

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.