X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie. Puoi anche consultare la nostra Informativa sulla privacy

PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Dieta antinfiammatoria

Con il termine dieta antinfiammatoria ci riferiamo ad un regime alimentare che non prevede una grossa perdita di peso ma, che si riferisce all'esclusione di determinati alimenti considerati nocivi per l'organismo umano.

Nonostante sia solo un regime alimentare per disintossicare l'organismo, questa dieta alimentare permette di buttar giù qualche chilo, in quanto prevede l'eliminazione di alimenti ricchi di zuccheri e grassi. Per quanto riguardano i principi della dieta antinfiammatoria, possiamo affermare che questi sono molto simili ai principi della classica dieta meridionale. Infatti, tutte e due le diete alimentari prevedono un consumo quotidiano di cinque porzioni di frutta e verdura, pesce ricco di Omega-3, apporto giornaliero di carboidrati e carni bianche che sono più salutari e più magre rispetto alle carni rosse.

Dieta antinfiammatoria Quindi, in entrambi i casi parliamo di alimenti che hanno un'azione antinfiammatoria, proprio perché sono dotati di determinate sostanze che sono in grado di indebolire i tipici mediatori dell'infiammazione. Con il termine infiammazione indichiamo un meccanismo biologico che si presenta in qualsiasi parte del corpo, dopo una lesione di diverso tipo. L'infiammazione, prevede dei sintomi riconoscibili, come per esempio l'arrossamento, il dolore, il gonfiore ed altre volte anche la perdita di funzionalità della parte interessata. Altre volte, invece, è possibile che l'infiammazione sia silente, ovvero che non si manifesta. Ma in questo caso, il nostro corpo attraverso il sistema immunitario, riesce a combattere l'infiammazione, ripristinandone anche la condizione fisiologica.

Naturalmente, l'assunzione di questi determinati alimenti da sola non è in grado di curare gravi infiammazioni. Tuttavia, la dieta antinfiammatoria è considerata uno stile di vita che insieme all'attività fisica ha la possibilità di apportare determinati benefici all'organismo umano.

Ma, tornando alla dieta antinfiammatoria, quali sono gli alimenti che hanno questa proprietà antinfiammatoria? Gli alimenti, che presentano le proprietà antinfiammatorie sono, frutta, verdura, cereali e pesci ricchi di Omega-3. Inoltre nella dieta alimentare giornaliera, esistono alimenti con tali proprietà che appunto non devono mancare nell'alimentazione.

Tra questi alimenti, vi è la presenza dell'olio extravergine d'oliva che è considerato un importante antinfiammatorio soprattutto se consumato crudo. Un altro alimento con proprietà antinfiammatorie è il riso integrale, un alimento che contiene delle sostanze, come per esempio la tricina, che permette di contrastare la sintesi degli eicosanoidi, ovvero un tipo di molecole coinvolte nell'infiammazione.

Oltre ciò, anche le cipolle rosse, che presentano antiossidanti, sono in grado di combattere lo stress ossidativo. Inoltre le cipolle rosse contengono anche altre sostanze come lo zolfo che contiene proprietà antinfiammatorie ed anche antibiotiche. Anche i mirtilli si posizionano nella lista degli alimenti antinfiammatori, in quanto presentano un'elevata quantità di polifenoli utili per l'attività antinfiammatoria. Il ribes nero è considerato un alimento antinfiammatorio, proprio perché grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, non causano danni allo stomaco come accade nel caso di alcuni farmaci di sintesi.

Un altro alimento che si può inserire in questo regime alimentare è la curcuma, che presenta un'attività antinfiammatoria sovrapponibile all'attività di determinati farmaci steroidei. Inoltre, secondo diversi popoli, la curcuma è considerata un alimento alquanto pregiato rispetto all'oro, proprio per le sue qualità e la capacità di depurare il sangue, di agire come barriera per il fegato e la capacità di bloccare lo sviluppo di determinati tumori. Anche le noci, oltre alle varie proprietà, essendo ricche di Omega-3, hanno la capacità di agire come un alimento antinfiammatorio.

Un altro alimento che possiamo posizionare nella dieta antinfiammatoria è il tè verde che presenta un importante polifenolo che ha la capacità di ostacolare l'azione di un gene per la produzione dell'inteleuchina-8, ovvero ci riferiamo ad una molecola presente nel processo infiammatorio.

Altri alimenti che favoriscono l'infiammazione, e che quindi, si devono eliminare dalla propria dieta alimentare, sono i prodotti di origine animale, come la carne, i formaggi e le uova: infatti, questi alimenti contengono elevate quantità di acido arachidonico responsabile delle infiammazioni.

Oltretutto, anche alimenti trattati con sostanze come nitriti, provocano un aumento dell'infiammazione nel sangue. Gli alimenti che contengono nitriti, e che quindi si devono evitare, sono tutti gli snack, le merendine e prodotti a lunga conservazione. Ma non è tutto, infatti anche alcuni prodotti vegetali possono essere la causa di infiammazione, tra i quali distinguiamo le patate, i peperoni e le melanzane. Di fatti, questi vegetali presentano al loro interno una sostanza denominata alcaloide solanina che è in grado di provocare un peggioramento dell'infiammazione e scatenare dolore. Oltre ciò, si consiglia di limitare i cibi ricchi di zuccheri e grassi, poiché sono considerati fattori di rischio d'infiammazione.

Anche l'apparato urinario è soggetto ad infiammazioni, ma con l'assunzione di determinati principi vegetali, sarà possibile curare l'infiammazione del tratto urinario.

Anche il sistema muscolare e scheletrico sono spesso infiammati. In natura vi è la presenza di specifiche erbe che hanno una notevole proprietà antinfiammatoria. Per problemi ai muscoli ed alle ossa si consiglia di assumere equiseto, che rinforza notevolmente il tessuto osseo, è possibile anche assumere latte di soia e latte di mandorla per i muscoli. Inoltre per il tessuto osseo, si consiglia di seguire un regime alimentare vegetariano e privo di glutine, in modo da migliorare i sintomi dell'artrite reumatoide, in questo caso si dovranno assumere alimenti a base d'arancia.

Dermatite In caso di infiammazione all'epidermide si consiglia di assumere una gran quantità di pesci ricchi di grassi Omega-3, dato che hanno la possibilità di mantenere elastica ed idratata la pelle. Gli alimenti da assumere in caso di infiammazione all'epidermide sono i pomodori, che grazie alla presenza licopene hanno capacità antiossidanti e sono in grado di stimolare la produzione di melanina.

Per di più, possiamo affermare che l'alimentazione influisce particolarmente sull'apparato gastro-enterico, quindi si consiglia di seguire determinati consigli in modo da mantenere sano l'intestino: è consigliato assumere alimenti ricchi di fibre che sono in grado di liberare il transito intestinale ed assumere ogni giorno probiotici per poter mantenere attivala flora batterica intestinale. Gli alimenti antinfiammatori consigliati per l'intestino sono: l'aloe vera e i mirtilli rossi. In caso di emorroidi si consiglia di assumere camomilla e psillio.

Per quanto concerne infiammazioni all'apparato circolatorio, l'alimento da assumere è l'ananas, dotata di una fondamentale azione antinfiammatoria dovuta alla bromelina, una sostanza che presenta una funzione decongestionante. Inoltre, si possono assumere anche mirtilli che sono in grado di migliorare la circolazione periferica.

Per infiammazioni al sistema nervoso, è possibile assumere alimenti con proprietà antinfiammatorie in modo da migliorare la capacità cognitiva.

Infine, per curare infiammazioni dell'apparato respiratorio, la cura per eccellenza è un infuso a base di malva. Infatti, la malva, grazie alle sue proprietà espettorali e lenitive, è in grado di aiutare a calmare il dolore delle pareti colpite. La malva è anche molto utile in caso di cistite.

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.