X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie. Puoi anche consultare la nostra Informativa sulla privacy

PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Glutammato, cos'è e quali alimenti contengono glutammato

Ci è capitato di leggere, magari sulla scarola dei dadi, che non contengono glutammato e talvolta ne sentiamo parlare in tv o ne parlano nelle riviste. Cos'è e il glutammato, perché si sceglie di non aggiungerlo a taluni alimenti e quali alimenti contengono glutammato?

Il Glutammato è un Additivo alimentare utilizzato in alcune preparazioni allo scopo di esaltarne il sapore e renderli più appetibili. Il glutammato è anche chiamato il quinto sapore o Umami, in quanto il sapore che lascia in bocca non è descrivibile né come salato, né dolce, né aspro né tanto meno amaro. E' un prodotto che attualmente viene creato in laboratorio, quindi è del tutto sintetico, mentre in passato veniva estratto da alcuni alimenti, come le alghe.

Quali alimenti contengono glutammato? Questo additivo alimentare viene usato solo nelle preparazioni salate, in quanto in quelle dolci non ne esalta il sapore. Possiamo trovarlo in prodotti liofilizzati (compresi dadi vegetali e di carne), nei salumi, in alcuni prodotti congelati pronti da consumare e in alcuni prodotti di gastronomia.

Quali sono i rischi legati all'uso del glutammato? Sembrerebbe che un abuso di questo additivo, oltre a scatenare allergie, possa creare nausea, vomiti, diarrea, eruzioni cutanee e altro ancora. Anche se non ci sono studi definitivi a sostegno di questo, c'è il sospetto che il glutammato potrebbe predisporre i soggetti alla cefalea e potrebbe essere collegato ad alcune malattie degenerative del sistema nervoso, come demenza di Alzheimer, il morbo di Parkinson o la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), nonché a neuropatie e depressione. Si sospetta anche il collegamento alla nascita di malattie cardiovascolari e di degenerazione maculare, obesità, allergie, intolleranze e diabete.

Ad ogni modo, attualmente il glutammato è classificato come additivo sospetto, senza norme che ne limitino l'impiego in quanto non viene reputato abbastanza pericoloso da limitarne l'uso.

Il glutammato viene indicato tra gli ingredienti con la lettera E seguita da un numero CE e sono quelli che vanno da E600 a E629.

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.