X

Informativa sui cookie
Questo sito e i servizi terzi da esso utilizzati possono fare uso di cookie funzionali e di profilazione di terze parti, che consentono anche di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente. Scrollando la pagina, cliccando su un link, chiudendo il banner o proseguendo la navigazione sul sito in altra maniera, dai il tuo consenso all'utilizzo di tali cookie. Per saperne di più o negare il consenso all'installazione dei cookie, consulta la nostra informativa cliccando sul link: Informativa sui cookie. Puoi anche consultare la nostra Informativa sulla privacy

PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Mangiare il pesce crudo è pericoloso?

Mangiare il pesce crudo è pericoloso? Sicuramente ci sarà capitato di sentirlo o forse noi stessi ce lo saremo chiesti o lo avremo chiesto ad amici e parenti. E quindi, qual è stata la risposta? Spero vi abbiano detto che è pericoloso mangiare pesce crudo, perché questa è la risposta giusta.

Infatti, nelle viscere di molti pesci, in particolare in quelle del pesce azzurro, si annida un parassita, che si chiama Anisakis e che, se ingerito, provoca danni all'organismo umano, soprattutto in donne e bambini, dando luogo a dolori addominali, vomiti, diarrea, febbre alta e reazioni allergiche. Nei casi più gravi, l'infezione può portare ad occlusione dell'intestino tenue o perforazione intestinale. Finché il pesce è vivo, il parassita resta nello stomaco, per poi spostarsi nei tessuti muscolari quando il pesce muore. L'Anisakis è visibile a occhio nudo, ha un colore bianco o rosato e misura da 1 a 3 cm.

Per poter distruggere questo parassita ci sono 2 modi: usare il calore, e questo perché il calore distrugge l'Anisakis , ma deve essere un calore profondo, cioè non superficiale, e che penetri fimo al cuore del pesce che stiamo cuocendo. In questo caso, è necessaria una cottura ad almeno 60 gradi per dieci minuti. Precisiamo che solo le larve vive recano danni all'organismo, mentre le larve morte non arrecano danni. Un altro metodo per scongiurare un'infezione da Anisakis è il congelamento per 24 ore continuative ad una temperatura inferiore ai -20 gradi (Circolare 11 marzo 1992, n. 10 "Direttive e raccomandazioni in merito alla presenza di larve di Anisakis nel pesce"). Da ciò si evince che la marinatura, la salatura e l'affumicatura non sono pratiche adatte per scongiurare il rischio intossicazione da Anisakis.

Mentre è sempre possibile cuocere il pesce, per il congelamento, nel caso si volesse consumare del pesce crudo, ci sono limitazioni in quanto i nostri frigoriferi non raggiungono questa temperatura, ma si fermano a -18 gradi (alcuni modelli anche a -12 gradi). Per raggiungere i -20 gradi occorre un abbattitore: l'abbattitore di temperatura è un elettrodomestico che consente non solo di congelare, ma anche di portare i prodotti dal caldo al freddo velocemente, in modo da porteli congelare entro poco tempo.

Come mai, allora, nei ristoranti si mangia pesce crudo? Perché i ristoranti sono appunto dorati di abbattitori e possono congelate il pesce per distruggere il parassita. nei ristoranti, infatti, è vietata la somministrazione di pesce marinato o affumicati a freddo.

Quali sono i pesci più colpiti? Le specie ittiche più compite sono: le acciughe (alici), l'aringa, lo sgombro, le sardine, il tracuro, il nasello, la rana pescatrice, il melù, il pesce sciabola, il merluzzo e le triglie. Riguardo le alici, è doveroso sconsigliare di preparare piatti con questi pesci crudi, anche se prelibati, come le alici crude con il limone e la cipolla. L'Anisakis si trova anche in balene, foche, delfini.

Cosa fare se si sospetta una possibile intossicazione da Anisakis? Occorre recarsi subito all'ospedale ai primi sintomi di infezione anisakidosi (o anisakiasi), per sottoporsi alle cure mediche necessarie.

Abbiamo quindi visto quanto sia pericoloso ingerire pesce crudo se non trattato come indicato nella circolare sopra menzionata.

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.