PTT Ricette sui social:

Un aiuto in cucina:

Altre ricette consigliate:

Raccolte consigliate:

Articoli consigliati:

  • nd
  • nd
  • nd
  • nd
Loading...

Testaroli - Specialità lunigianese - Specialità toscana

I Testaroli sono un morbido e sottile pane-focaccia preparato senza lievito (azzimo), tipico della Lunigiana. I testaroli sono probabilmente il piatto più famoso della Lunigiana e vengono tradizionalmente cotti in speciali testi di ghisa o terracotta, da cui prendono il nome, precedentemente arroventati sulla brace. Questi testi sono formati da due parti: uno, quello inferiore, che è il piano di cottura, ossia la parte dove viene versata la pastella, e l'altro, superiore, che funge da coperchio. In alcune zone, la cottura avviene senza l'uso del coperchio.

I Testaroli vengono preparati formando una pastella fatta di di sola farina di grano, acqua e sale; questa pastella verrà poi cotta nei testi. Hanno un colore giallino tenue con piccolissime maculature dovute alla cottura nei testi, sono di forma circolare, hanno uno spessore di 3 mm circa e un diametro che va dai 25 cm ai 40 cm circa.

Con i Testaroli vengono preparati squisiti primi piatti, cuocendoli in acqua bollente e fuoco spento per qualche minuto, scolandoli e condendoli, poi, com'è più di gradimento: con olio extravergine d'oliva, basilico tritato finemente e pecorino grattugiato o con vari sughi, come pesto alla genovese o sugo con funghi porcini.

Nella preparazione del piatto, i dischi di pane vengono tagliati in quadretti, quadrettoni o rombi prima di essere lessati e vanno consumati caldi.

Lascia un commento

Scrivi un commento o fai una domanda su questo articolo.
Inserendo un indirizzo email valido (facoltativo), sarai avvisato quando riceverai una risposta al tuo commento.